L’artista Eugenio Sgaravatti  in Ricordi ci propone una serie di sue nuove opere a testimonianza della sua ininterrotta attività.

 

 

Non è la prima volta che le sue opere affrontano la tridimensionalità con materiali di risulta tipo legno, metalli, plastiche o stoffe, in questa produzione adotta un criterio di “sacralità” dovuto a una teca in plexiglass che isola l’opera dall’esterno, dando così risalto e una particolare importanza a materiali poveri che s’impraziosiscono al punto che assumono un impatto visivo esaltante.

Il 6 e il 7 maggio dalle 10 alle 19

al Parco Iris Sgaravatti

in via Appia Antica 107

“Mercato di Primavera”

Di gila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.