La Corea del Sud celebra in musica I sessant’anni di rapporti con l”Europa

 

L’anno 2024 è importantissimo per la Corea del Sud: ricorrono sessant’anni dall’inizio dei suoi rapporti con l’Europa unita e centoquarant’anni dai primi scambi politici ed economici con l’Italia. Un concerto organizzato con il patrocinio dell’Ambasciata sudcoreana il 15 gennaio 2024 al Teatro Vascello di Roma è stato dedicato al primo di questi due anniversari.

Le musiciste sudcoreane che possono vantare vittorie ai concorsi musicali di maggior prestigio internazionale sono state le protagoniste del concerto:

Chloe Jiyeong Mun (pianoforte) e Jehye Lee (violino). Hanno eseguito tre romanze di Robert Schumann (op.94), tre romanze di Clara Schumann (op.22) e la Sonata per violino di Cesar Franck.

Entrambe le artiste hanno una lunga esperienza di musica da camera. Il concerto creava l’atmosfera di un incontro fra gli amici più stretti, ma, allo stesso tempo, sconvolgeva il pubblico ispirandolo e donandogli emozioni fortissime.

Nella sonata di Franck era il violino a condurre il gioco, mentre nelle opere di tutti e due Schumann il pianoforte e il violino erano in un costante e impervio dialogo – ora dolce, ora potentissimo, ma sempre polifonico ed armonioso.

Chloe Jiyeong Mun e Jehye Lee hanno già suonato insieme questo repertorio in Austria e nel Belgio. Nella loro tournée europea, dopo il palcoscenico italiano, le aspetta ancora quello spagnolo.

Gli ascoltatori riunitisi al Teatro Vascello si sono commossi all’esibizione delle due giovani musiciste di talento. L’Ambasciata le ha ringraziate e ha annunciato i prossimi eventi musicali programmati per il 2024.

Olga Matsyna

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *