XANTE BATTAGLIA: FINISSAGE ALLA IAN ART GALLERY, MILANO

 

La galleria IAN ART GALLERY di Milano ha ospitato il 23 marzo la mostra di XANTE BATTAGLIA, rinomato pittore, sculture e artista plastico italiano ed internazionale.  

Xante Battaglia si distingue per l’originalità delle sue opere pittoriche già negli anni sessanta creando l’immagine di una donna arcaica ispirandosi ai ritrovamenti archeologici nella Calabria che gli ha dato le origini.

 

Nel 1978 Gregory Battcock, grande critico d’arte degli USA, definisce Battaglia “inventore di un vocabolario visuale” e artista le cui opere “abbracciano l’umanità “.

Pierre Restany riconosce a Xante Battaglia un linguaggio che si discosta dalla contestualizzazione duchampiana e anche dalla Pop Art e chiama la sua opera “un’arte universale che si pone in prima linea nell’arte moderna”.

Giosuè Allegrini, critico italiano, vede nella creazione di Xante BATTAGLIA una “rara profondità” e la colloca ‘a metà strada fra l’illusione mimetica e la realtà ideale”.

Xante Battaglia nasce a Gioia Tauro dive molto spesso fa ritorno. In più, lavora a Pavia e a Milano. La sua innovazione assoluta è il volto e la figura di una donna arcaica, concetto della Grande Madre. Lo sfregio, nel caso di Xante, non è un taglio, ma una cancellazione che avviene per mezzi pittorici. Questo gesto, quindi, può essere considerato originale e indipendente dai famosissimi sfregi di Fontana che sono, appunti, dei tagli. Altre innovazioni introdotte da Battaglia (con cui anticipa Rainer e Jeff Coons) sono atti de demistificazione del potere e dell’idea dell’arte che ci è  sempre stata imposta: sono frammenti d’universo, opere binarie e microcosmi.  

La critica del Collettivo Curatoriale A.F.A. sostiene che Xante Bartaglia “nell’arte Metalinguistica ha creato uno stile binario che va oltre Duchamp, la Pop Art, Fluxus e la Poesia Visiva Tradizionale”

I quadri, le sculture e le opere plastiche di Xante Battaglia sono state esposte alla Bonino Art Gallery di New York, Grand Palais di Parigi,  Biennale di Venezia, Palazzo dei Diamanti di Ferrara, al Palazzo della Permanente e a Palazzo Reale di Milano. Ciononostante, l’artista ha un rapporto conflittuale con il sistema della promozione e della distribuzione artistica. Ha pubblicato un libro che ha rivoluzionato la percezione di molte opere d’arte “La Contro Storia dell’Arte Contemporanea” in cui ha demistificato l’opportunismo e il consumismo nell’arte. 

Oltre alla IAN ART, una mostra di XANTE BATTAGLIA intitolata “Dal pre-arcaico al post-consumismo” è stata recentemente ospitata dalla Galleria Marco Fraccaro, Collegio Fratelli Cairoli dell’Università di Pavia.

Olga Matsyna

video dell’artista in galleria con Olga Matsyna

https://fb.watch/rbRlKHIQaA


Pubblicato

in

, ,

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *